Polizze Assicurative e Pianificazione Successoria

Le polizze assicurative sono di sicuro uno strumento utile per la pianificazione successoria. Vediamo insieme quali possono essere usate.
Tempo di lettura: 5 minuti

Se hai già letto il mio articolo precedente sulla pianificazione successoria, avrai compreso l’importanza di pianificare attentamente il futuro del tuo patrimonio e delle persone a cui tieni di più.

La pianificazione successoria non solo offre vantaggi fiscali e decisionali, ma costituisce anche un modo efficace per proteggere e trasferire il tuo patrimonio alle generazioni future.

Oggi esploreremo il ruolo fondamentale delle polizze assicurative in questa strategia, evidenziando i numerosi vantaggi che offrono.

Vantaggi delle polizze assicurative

Utilizzare polizze assicurative per pianificare la propria successione è sicuramente una scelta intelligente.

Ti elenco di seguito due vantaggi di facile comprensione:

  • Segregazione del Patrimonio
  • Tassazione

Segregazione del Patrimonio

Una delle caratteristiche principali delle polizze assicurative in ambito di pianificazione successoria è la segregazione del patrimonio.

Segregare il patrimonio significa destinarne una parte ad una “cassaforte” e quindi renderla non attaccabile dai creditori.

In questo caso specifico significa che il valore dell’assicurazione non rientra nell’asse ereditario, ad eccezione dei premi versati.

Grazie a questo strumento, puoi proteggere il patrimonio assicurato da eventuali rivendicazioni degli eredi legittimi e dai creditori, consentendoti di garantire una distribuzione personalizzata e protetta del tuo patrimonio.

Devi sapere che in caso di tua inespressa volontà decisionale in ambito successorio, i beni vengono normalmente ripartiti tra gli eredi in base alle quote stabilite dalla legge.

Questo può portare a divisioni che potrebbero non rispecchiare le tue intenzioni o le necessità dei tuoi cari.

Le polizze assicurative ti offrono dunque la possibilità di stabilire una volontà chiara sulla distribuzione del patrimonio, consentendoti di scegliere come dividere il patrimonio.

Tassazione

Un altro vantaggio significativo delle polizze assicurative nella pianificazione successoria è la loro esenzione fiscale (tassazione in ambito successorio).

Ciò significa che il beneficio erogato dalla polizza non è soggetto a tassazione, consentendo ai tuoi eredi di ricevere il valore dell’assicurazione senza dover affrontare pesanti oneri fiscali.

Questo rappresenta un notevole vantaggio per garantire che i tuoi cari possano beneficiare appieno del tuo patrimonio senza ulteriori spese.

Tipologie di polizze vita

Malgrado l’importanza di avere polizze vita, il grafico sotto mostra come ancora sia inadeguata la cultura degli italiani in tema di polizze assicurative.

Polizze assicurative e pianificazione successoria
Fonte: Propensione, da un’indagine ISTAT

La scarsa conoscenza dei prodotti porta spesso ad un uso non corretto degli stessi.

Solo un consulente finanziario indipendente può consigliarti liberamente e nel tuo interesse lo strumento assicurativo idoneo per un determinato obiettivo.

Per questo se vorrai, potrai prenotare una consulenza finanziaria indipendente in cui analizzerò la tua situazione previdenziale successoria e finanziaria.

In questo articolo ti parlerò solo brevemente di quelle che sono le tipologie di polizze vita più conosciute, in quanto sono argomenti molto vasti e non sempre di facile comprensione.

  • Polizza vita caso vita
  • Polizza vita caso morte (TCM)
  • Polizza multiramo

Polizza vita caso vita

La polizza vita caso vita è una tipologia di polizza assicurativa che fornisce una copertura finanziaria all’assicurato durante la sua vita..

Questa polizza può essere utile per diversi scopi.

Innanzitutto può offrire una sicurezza finanziaria a lungo termine per l’assicurato e i suoi cari, una forma di risparmio.

Ad esempio, l’assicurato potrebbe utilizzare la polizza vita caso vita come mezzo per accumulare un capitale che potrà essere utilizzato in futuro per affrontare spese importanti come l’istruzione dei figli, la pensione o altre necessità finanziarie.

Può essere usata per l’appunto come mezzo per lasciare una parte o o tutta l’eredità a qualsiasi beneficiario, anche fuori dall’asse ereditario.

Si possono designare beneficiari generici (come gli eredi) o persone definite , sempre modificabili dal contraente.

In questo caso il capitale lasciato al beneficiario non è attaccabile.

Anche in caso di beneficiario erede che non accetta l’eredità, lo stesso potrà godere della liquidazione del capitale.

Gli eredi non beneficiari possono pretendere solo la restituzione dei premi versati dal contraente in vita, ma non possono nulla sul capitale liquidato al beneficiario.

Tengo a precisarti che, sebbene vendute come forme di risparmio e d’investimento, le polizze vita (in generale tutte le polizze assicurative) andrebbero intese solo come mezzo di protezione e non di investimento.

Un portafoglio personalizzato, correttamente bilanciato ed adeguato è sicuramente la scelta migliore per raggiungere i tuoi obiettivi finanziari.

Polizza vita caso morte (TCM)

La temporanea caso morte “è una polizza che protegge le persone care indicate nel contratto da possibili problemi finanziari in caso di decesso dell’assicurato, mettendo a loro disposizione un capitale definito nella polizza(quellocheconta).

Questo tipo di polizza richiede premi relativamente bassi e offre un’ampia copertura in caso di decesso.

La sua natura temporanea consente di garantire una somma molto più elevata rispetto ai premi versati, senza intaccare la quota legittima degli eredi.

Prendiamo ad esempio un ragazzo di 40 anni che desidera acquistare una polizza TCM (Temporanea Caso Morte) per garantire una protezione finanziaria o per lasciare un capitale ad una persona al di fuori dell’asse ereditario.

Supponiamo che il ragazzo decida di stipulare una polizza TCM con un capitale assicurato di 500 mila euro e un periodo di copertura di 20 anni.

La sua valutazione del rischio e il suo stato di salute determineranno il premio che dovrà pagare periodicamente per mantenere la polizza in vigore.

Supponiamo che il premio annuale per questa polizza TCM sia di 500 euro.

Questo significa che il ragazzo dovrà pagare 500 euro all’anno per 20 anni per mantenere la copertura assicurativa.

Nel corso di 20 anni, il totale dei premi pagati sarà di 10 mila euro (500 euro x 20 anni).

Nel caso in cui il ragazzo dovesse prematuramente decedere durante il periodo di copertura, i beneficiari designati riceveranno il capitale assicurato di 500 mila euro.

In ambito successorio, a fronte di un premio (attaccabile dagli eredi di 10 mila euro), lascerà al beneficiario un capitale inattaccabile di 500 mila euro.

Il beneficio fiscale permette inoltre di detrarre il 19% dei premi versati fino ad un massimo di 530 euro complessivi.

Capirai bene che è un ottimo strumento sia di protezione che di pianificazione successoria.

Polizza multiramo

La polizza multiramo è un prodotto assicurativo composto da un polizza ramo I e una ramo III, ovvero una parte garantita e una il cui andamento dipende dai mercati finanziari.

Prodotto molto costoso venduto massivamente dalle banche.

Viene proposto come strumento ottimo in ambito successorio e che mira anche al rendimento, bilanciando il rischio attraverso una parte garantita.

Non ti andrò spiegare in questo articolo la valenza finanziaria dello strumento ma l’uso in ambito successorio.

La disciplina in merito non è molto chiara.

Dal momento che queste polizze hanno un alto contenuto finanziario, vengono viste come investimenti e non come polizze assicurative.

Il capitale non è ben definito come le polizze ramo primo ma dipende molto dall’andamento dei mercati e quindi variabile.

Può venire meno il concetto di protezione e risparmio.

Ti consiglio di usare polizze ramo primo in ambio successorio e un portafoglio diversificato come investimento.

Se vorrai potrai prenotare una consulenza personalizzata indipendente e affronteremo insieme la tua pianificazione finanziaria e successoria.

Conclusione

Le polizze assicurative sono uno strumento fondamentale nella pianificazione successoria.

Offrono una serie di vantaggi, tra cui la segregazione del patrimonio, l’assenza di tassazione successoria e la possibilità di definire la distribuzione del patrimonio.

Tuttavia è importante valutare attentamente le diverse opzioni disponibili, tenendo conto delle esigenze specifiche e dei rischi associati.

Ricorda che le polizze assicurative non rappresentano l’unico strumento nella pianificazione successoria, ma sicuramente sono uno dei più semplici e comprensibili da utilizzare.

Con un’attenta pianificazione e l’uso oculato delle polizze assicurative, puoi garantire il futuro finanziario della tua famiglia e proteggere il tuo patrimonio per le generazioni a venire.

Condividi:

Rimani sempre aggiornato

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

consulenza finanziaria indipendente Athena SCF