ETF obbligazionari a scadenza: come funzionano i nuovi ETF rivoluzionari di iShares iBonds?

Cosa sono e come funzionano gli ETF obbligazionari a scadenza? Sono meglio delle obbligazioni singole? Scoprilo subito
Tempo di lettura: 5 minuti

Sbarcano finalmente anche in Europa gli ETF obbligazionari a scadenza targati iShares che puntano a rivoluzionare per sempre il mercato obbligazionario del vecchio continente.

In questo articolo cerchiamo di capire come funzionano gli ETF iShares iBond datati 2026 e 2028 e quotati su Borsa Italiana.

Cosa sono gli ETF obbligazionari a scadenza?

Gli ETF obbligazionari a scadenza sono una particolare categoria di fondi a gestione passiva obbligazionari perché caratterizzati, al contrario dei normali ETF, da una scadenza ben precisa.

Le 3 caratteristiche che contraddistinguono questa tipologia unica di ETF e gli permettono di essere veramente competitivi sul mercato sono:

  • portafoglio diversificato, al suo interno sono presenti una moltitudine di obbligazioni che permettono di diminuire drasticamente il rischio specifico dell’emittente e quindi di evitare il rischio default;
  • scadenza fissa, il fondo ha una scadenza predeterminata che permette già in anticipo di calcolare il rendimento ipotetico del proprio investimento;
  • acquistabili per tutte le tasche, la quota dell’ETF è molto bassa, circa 5€ per quota per gli ETF quotati in Italia, questo consente a tutti di poterli comprare sul mercato visto che generalmente il lotto minimo di acquisto di un’obbligazione singola è invece molto elevato.

Questo tipo di ETF è stato progettato per aiutare gli investitori a raggiungere obiettivi specifici in termini di scadenza degli investimenti e per gestire il rischio di tasso di interesse. 

Gli ETF obbligazionari a scadenza cercano di offrire una soluzione per gli investitori che desiderano un’esposizione mirata a un particolare tratto della curva dei rendimenti obbligazionari.

Ora cerchiamo di vedere nel dettaglio come funzionano gli ETF iShares iBonds quotati su Borsa Italiana ma visto che il loro funzionamento è simile, cambia solo la scadenza, ci focalizzeremo solo su quello con scadenza 2026.

Come funziona l’ETF iShares iBonds?

Su Borsa Italiana sono presenti due ETF iShares iBonds:

  • iShares iBonds Dec 2026 Term € Corp UCITS ETF
  • iShares iBonds Dec 2028 Term € Corp UCITS ETF

Come detto precedentemente, visto il funzionamento pressoché identico, ci focalizzeremo solo su quello con scadenza 2026.

L’ETF iShares iBonds Dec 2026 Term € Corp UCITS ETF con ticker IB26 e ISIN IE000SIZJ2B2 fornisce un’esposizione a obbligazioni societarie di tipo investment grade a tasso fisso denominate in euro con scadenza compresa fra lo 01/01/2026 e il 15/12/2026.

Il fondo avendo una durata definita al 31 dicembre 2026, otterranno il rimborso al 1 gennaio 2027 quando tutte le obbligazioni del fondo saranno giunte a scadenza.

Il fondo persegue i cosiddetti criteri ESG quindi al suo interno sono escluse società che si occupano di produzione di tabacco, armi nucleari, produzione di armi da fuoco civili e armi controverse, carbone termico, generazione di carbone termico, sabbie bituminose, armi convenzionali e sistemi/componenti/sistemi di supporto/servizi per la produzione di armi.

L’indice di riferimento dell’ETF è il seguente: Bloomberg MSCI December 2026 Maturity EUR Corporate ESG Screened Index.

“L’Indice è ponderato per la capitalizzazione di mercato, con un limite del 3% per ciascun emittente, ed eventuali ponderazioni eccedenti saranno distribuite in maniera proporzionale sull’intero Indice. L’Indice sarà ribilanciato mensilmente fino a un anno prima della scadenza; a partire da tale momento, il ribilanciamento non sarà più effettuato se non per rimuovere i titoli declassati a sub-investment grade o che non soddisfano più i criteri ESG”.

Le caratteristiche principali dell’ETF IB26 sono le seguenti:

  • quotazione: circa 5€
  • dimensione: 22 milioni di euro
  • TER: 0,12%
  • indicatore di rischio: 2 su 7
  • replica: fisica
  • valuta: euro
  • rischio cambio: senza copertura valutaria
  • data di lancio: 1 maggio 2023
  • politica: distribuzione
  • frequenza: trimestrale
  • ribilanciamento: mensile
  • domicilio del fondo: Irlanda
  • numero di partecipazioni: 198
  • rendimento a scadenza medio ponderato: 4,06%
  • cedola media ponderata: 1,64%
  • tassazione: 26%
  • scadenza media ponderata: 2,85
  • duration effettiva: 2,74

I settori maggiormente rappresentati sono:

etf obbligazionari a scadenza

I paesi maggiormente rappresentati sono:

etf obbligazionari a scadenza

La qualità del credito è:

Una domanda che sicuramente ti sei fatto è: 

Come funziona quando un’obbligazione giunge a scadenza?

Come viene calcolato quindi il rendimento medio a scadenza?

Il sito ufficiale risponde perfettamente a queste domande e ci presenta anche un calcolatore con il quale simulare il rendimento in base al proprio prezzo di acquisto.

“Il rendimento medio a scadenza indicato rappresenta il rendimento medio ponderato alla scadenza delle singole obbligazioni. Durante l’ultimo anno di durata del fondo, le obbligazioni sottostanti giungeranno a scadenza e i proventi saranno detenuti in titoli di Stato fino alla liquidazione del fondo. Il rendimento totale realizzato dall’investitore alla scadenza del fondo sarà influenzato dal rendimento ottenuto su tali proventi nell’ultimo anno. Se il rendimento futuro dei titoli di Stato è inferiore al Rendimento medio alla scadenza delle obbligazioni nel portafoglio, si prevede che anche il rendimento realizzato alla scadenza del fondo sarà inferiore, e viceversa.”.

“Si prevede che i proventi saranno distribuiti agli investitori una volta che tutte le obbligazioni sottostanti saranno scadute. Durante il periodo di transizione delle scadenze, una parte delle attività del Fondo sarà costituita da liquidità e mezzi equivalenti ed è pertanto soggetta a un potenziale rischio di reinvestimento”.

Abbiamo capito quindi tutte le caratteristiche di questo ETF e come sono strutturati quindi gli ETF obbligazionari a scadenza.

Tali strumenti probabilmente prenderanno sempre più piede nel mercato europeo con ulteriori emittenti che potrebbero far uscire i loro personali ETF.

Prima di tirare le somme e valutare pro e contro di questo investimento ti lascio una una piccola curiosità.

Stando a quanto dice chat GPT, il primo ETF di questa tipologia è stato emesso da Invesco a marzo 2010 quindi in realtà negli Stati Uniti sono presenti già da un bel pezzo.

Vantaggi e Svantaggi degli ETF obbligazionari a scadenza

I vantaggi sono:

  • investimento diversificato a livello emittente, settoriale e geografico al contrario delle obbligazioni singole che soffrono del rischio specifico del singolo emittente;
  • possibilità di investire piccoli importi ad un costo molto basso come lo sono d’altronde tutti gli ETF al contrario delle obbligazioni singole che hanno un lotto minimo di acquisto;
  • scadenza prefissata che permette di utilizzare tale strumento per un obiettivo ben preciso e scaglionato nel tempo al contrario dei normali ETF che non presentano nessuna scadenza e sono più soggetti alla variazione dei tassi di interesse in quanto non rimborsano il capitale a scadenza.

Gli svantaggi sono:

  • strumenti attualmente poco scambiati visto anche la loro recente emissione quindi gli spread potrebbero essere leggermente elevati;
  • tassazione al 26% dato che si tratta di obbligazioni societarie, il che li rende non troppo competitivi a livello di rendimento se comparati ad obbligazioni governative di pari durata sia esse in forma di ETF che singole;
  • plusvalenze non compensabili al contrario della componente prezzo delle obbligazioni singole;
  • il rendimento a scadenza non è certo al centesimo in quanto dipenderà dal reinvestimento che avverrà nell’ultimo anno di scadenza del fondo e al ribilanciamento periodico degli strumenti interni al fondo.

Vuoi ricevere il supporto di un professionista?

Prenota il tuo check-up di portafoglio con uno dei nostri consulenti finanziari indipendenti:

Condividi:

Rimani sempre aggiornato

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

consulenza finanziaria indipendente Athena SCF