Come diventare un Consulente Finanziario Indipendente

Ti guiderò passo passo a capire come si diventa Consulente Finanziario Indipendente e ti darò qualche piccolo consiglio a riguardo!

La professione di Consulente Finanziario Indipendente, o Autonomo, richiede non solo una grande passione per la materia, ma anche una cura dei dettagli molto importante.

Il tuo unico pensiero sarà quello di supportare il cliente nel raggiungimento dei propri obiettivi, il che comporta anche una responsabilità non banale.

Se anche tu sei interessato ad intraprendere questo percorso, ti spiego come fare in questo articolo!

Il Consulente Finanziario Indipendente

Un consulente Finanziario Indipendente, o Autonomo, è definito come un professionista che aiuta le persone nella loro pianificazione ottimale delle risorse finanziarie, supportandoli ed aiutandoli al raggiungimento dei propri obiettivi di vita futuri.

Egli è pagato a parcella direttamente dal cliente stesso e non possiede il mandato da nessuna banca o rete.

Il percorso per assumere una simile posizione richiede il possesso di alcuni requisiti molto importanti, il superamento dell’apposito esame, l’iscrizione all’albo ed infine l’apertura della partita IVA.

In particolare, l’Albo Unico dei consulenti finanziari, entrato in vigore il 1° dicembre 2018, è diviso in 3 sezioni:

  • Consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede (ex promotori finanziari)
  • Consulenti finanziari autonomi (indipendenti)
  • Società di consulenza finanziaria (indipendente)

Consulente Finanziario Indipendente
https://www.corriere.it/

L’immagine ti mostra la differenza fondamentale tra i Consulenti Finanziari legati alla banca e i Consulenti Finanziari Indipendenti.

I primi sono remunerati dalla vendita dei propri prodotti e di conseguenza vincolati al proprio fatturato mentre i secondi non sono vincolati alle vendite effettuate.

Il loro unico interesse è quello di consigliarti l’operazione che più si addice alle esigenze del cliente!

Ora andiamo più nel dettaglio insieme per capire passo passo come si diventa Consulente Finanziario Indipendente.

I requisiti essenziali

In primo luogo, per poter esercitare la professione ed iscriversi all’Albo è necessario il possesso di 5 requisiti fondamentali.

  • requisito di indipendenza: “non possono essere iscritti all’Albo i soggetti che intrattengono rapporti, diretti o indiretti, tali da condizionare l’indipendenza di giudizio nella prestazione della consulenza in materia di investimenti. Per la prestazione di consulenza in materia di investimenti gli iscritti all’Albo (nella sezione dei consulenti finanziari autonomi) non possono percepire alcuna forma di beneficio da soggetti diversi dal cliente al quale è reso il servizio”;
  • requisito di onorabilità: “non possono essere iscritti all’albo coloro che si trovano in situazione di interdizione, inabilitazione, fallimento, in caso di condanne che determinano l’interdizione da pubblici uffici. [..] Non possono iscriversi coloro che sono stati sottoposti a misure di prevenzione per disposizioni contro la mafia e alla sicurezza per la pubblica moralità”;
  • requisito di professionalità: è richiesto il diploma di studi quinquennale ed aver superato l’esame valutativo con successo;
  • requisiti organizzativi: ai fini dell’iscrizione all’Albo è necessario stilare un programma di attività dove specificherai i contenuti del servizio di consulenza prestato, la struttura organizzativa e le procedure adottate per l’adempimento degli obblighi previsti dalla normativa;
  • requisito patrimoniale: è richiesta la stipulazione di una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile.

L’esame

L’esame per poter accedere all’iscrizione all’albo ed essere abilitato alla professione di Consulente Finanziario Indipendente è uguale per tutti i candidati della stessa sessione e, una volta superato, potrai decidere in quale sezione dell’Albo iscriverti.

Esso è suddiviso in 5 materie, quali:

  • matematica finanziaria ed economia del mercato finanziario (comprese pianificazione finanziaria e finanza comportamentale);
  • diritto del mercato finanziario e degli intermediari e disciplina dell’attività di consulente finanziario;
  • diritto tributario riguardanti il mercato finanziario;
  • diritto privato e di diritto commerciale;
  • diritto previdenziale ed assicurativo.

La prova ha una durata di 85 minuti ed è composta da 60 quesiti a risposta multipla, di cui 40 da 2 punti e 20 da 1 punto.

Il punteggio minimo per superare la prova è di 80 su 100.

Se desideri metterti alla prova, qui trovi i quiz preparatori all’esame 2022 messi a disposizione dal Ministero dell’Interno, su un database di 5000 quesiti.

Esonerati dall’esame

 “Ho già esperienza, devo sostenere comunque l’esame?

La risposta è no. O meglio, non in tutti i casi.

Infatti, l’Organismo di Vigilanza stipula un preciso elenco di coloro che sono esonerati dal sostenere l’esame e quindi che possono iscriversi direttamente all’Albo (in possesso dei requisiti essenziali).

È esonerato dall’esame chi svolge, o ha svolto, attività di:

  • agente di cambio iscritto al ruolo unico nazionale o a quello speciale;
  • funzionario o consulente bancario addetto ai servizi di investimento o commercializzazione da almeno 3 anni;
  • funzionario di un’impresa di investimento per almeno 3 anni.

Iscrizione all’albo

Una volta che hai superato l’esame, il passo successivo sarà quello di registrarti all’Albo.

In questo caso avrai bisogno della posta elettronica certificata (PEC) e della firma digitale.

Per poter svolgere l’attività, inoltre, dovrai dotarti ed esibire i requisiti organizzativi e patrimoniali elencati precedentemente.

Se non possiedi ancora la partita IVA non preoccuparti, non è un requisito essenziale per poter accedere all’esame.

Essa può essere aperta anche solo prima di iniziare ad esercitare la professione di Consulente Finanziario Indipendente.

Tale professione rientra nel codice ATECO 70.22.90, descritto come “altre attività di consulenza imprenditoriale e altra consulenza amministrativo-gestionale e pianificazione aziendale”.

Infine, non è necessario avere la residenza entro i confini nazionali, ma solo essere domiciliato in Italia.

A proposito, devi sapere che è vietata l’attività di procacciamento di clientela al di fuori del territorio italiano in quanto il consulente finanziario indipendente (o autonomo) non ha “passaporto europeo”.

Inizia ad esercitare la professione di Consulente Finanziario Indipendente con noi!

Hai già superato l’esame o intendi farlo a breve?

Entra a far parte del nostro team!

Athena SCF è la prima Società di Consulenza Finanziaria Indipendente umbra iscritta all’apposito Albo e stiamo cercando di ampliare la nostra squadra!

Ci occuperemo e ti guideremo in un percorso di crescita dinamico ed entusiasmante e ci cureremo di  tutte le questione burocratiche da portare a termine!

Il tuo unico obiettivo sarà quello di curare il cliente. Al resto, ci pensiamo noi.

Qui ti lascio il link dove poter effettuare la candidatura, a presto!

Società di Consulenza Finanziaria Indipendente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

consulenza finanziaria indipendente Athena SCF
consulenza finanziaria indipendente Athena SCF