Guida ai multipli di mercato: come analizzare un’azione da zero

Guida ai multipli di mercato pe analizzare un'azione da zero. Scopri come valutare P/E, P/S, P/BV e molto altro

Sai cosa sono i multipli di mercato?

TI stai domandando perché utilizzarli ma soprattutto come e quando?

Sei nel posto giusto!

Prendendo come esempio Ferrari, ti spiegherò e ti insegnerò l’utilizzo dei multipli di mercato, così da completare l’analisi della società e della singola azione!

I multipli di mercato

I multipli di mercato sono un metodo per valutare azioni ed in generale aziende, mettendole in confronto con il mercato, ed in particolare con i comparables (società simili).

Essi sono definiti come rapporti tra i prezzi di mercato (quotazioni) di uno strumento azionario e una data grandezza di bilancio.

Le grandezze di bilancio più comunemente impiegate sono utili, valore contabile del capitale proprio, vendite.

I multipli sono impiegati dagli investitori più esperti come una modalità semplice e rapida per il calcolo del vaIore intrinseco fondamentale di un’azione.

I multipli sono generalmente impiegati generalmente per stimare il valore di una data azione (detta target) sulla base dei multipli di società con caratteristiche operative similari alla società oggetto di valutazione.

Infatti, attraverso il loro utilizzo potrai calcolare il prezzo probabile di negoziazione, ovvero un valore collegato non solo alle caratteristiche uniche della realtà aziendale che si sta valutando, ma anche all’analisi del mercato e delle transazioni avvenute su imprese simili.

Cercheremo quindi di definire il prezzo di Ferrari sulla base della media dei prezzi di società simili.

In ambito finanziario, esistono diversi multipli che si possono utilizzare.

Per semplicità e per rendere l’analisi anche affidabile, ti mostrerò l’utilizzo di 3 diverse categorie di multipli.

  • earning based multiples: basati sui profitti, si usano per società per cui il driver principale è il profitto;
  • sales based multiples: basati sui ricavi, si usano per società per cui non hanno utili o utili bassi (ad esempio società nuove);
  • asset based multiples: basati sugli asset, si usano per società per cui il driver principale sono gli asset (molti immobilizzazioni).

P/E

Il Price/Earnings, o P/E, appartiene alla famiglia degli Earning based multiples.

Esso è calcolato dividendo il prezzo dell’azione per gli utili per azioni stimati.

Multipli di mercato

Il P/E ti suggerisce il tempo di recupero dell’investimento in assenza di crescita, quindi ipotizzando che gli utili non crescano. 

Inoltre ti indica anche se un’azione è sopravvalutata o sottovaluta, confrontandolo con la media del mercato.

Tale rapporto si mantiene solitamente in un intervallo tra 12 e 25 (ma come vedremo proprio in questo esempio, non sempre è cosi!)

La difficoltà più grande di utilizzare questo metodo è la difficoltà di selezione di imprese comparabili (alcune possono non essere quotate o possono avere delle differenze tali per cui possono rendere il multiplo anomalo).

Yahoo finance mette a disposizione il P/E TTM, vale a dire dei 12 mesi precedenti.

Infatti, il provider riceve anche i dati trimestrali, che rendono l’analisi più precisa e puntiale.

Per Ferrari, il P/E risulta pari a 47,15, testimoniando un valore molto molto elevato.

P/S

Il Price/Sales, o P/S, appartiene alla famiglia dei Sales based multiples.

Esso è calcolato dividendo il prezzo dell’azione per i ricavi per azione stimati per l’esercizio successivo.

Multipli di mercato

Il multiplo è utilizzato quando gli utili dell’azienda sono bassissimi o addirittura negativi, per cui non potremmo usare il P/E.

Dato che Ferrari produce utili da diversi anni e non sono nemmeno bassi, tale multiplo non è indicato per questa analisi.

P/BV

Il Price/Book Value, o P/BV, appartiene alla famiglia degli Asset based multiples.

Esso è calcolato dividendo il prezzo dell’azione per il valore del patrimonio netto per azione.

Multipli di mercato

Il P/BV è utilizzato quando è importante valutare gli asset posseduti dalla società, poiché esso confronta il valore dell’azione con il valore che l’azionista riceverebbe se la società fosse liquidata oggi.

Infatti, confronto il valore dell’azione con il suo effettivo valore contabile.

I titoli venduti ad un prezzo ampliamente inferiore al valore contabile del patrimonio netto sono in genere molto ricercati.

Anche questo multiplo di mercato però, non è idoneo alla valutazione di Ferrari, poiché essa non è una società Asset Driven.

Scelta delle società comparabili e applicazione dei multipli di mercato

Dopo che hai selezionato il multiplo che meglio si adatta all’analisi dell’azione che hai scelto, arriva adesso la parte più complessa, vale a dire quella della scelta delle società comparabili.

Una società può essere comparabile alla società in analisi se:

  • appartiene allo stesso settore;
  • ha una dimensione simile;
  • si trova nello stesso stadio di vita;
  • adotta un modello di business simile;
  • ha una leva finanziaria simile.

Avrai certamente compreso che ciò rende l’utilizzo dei multipli di mercato un’applicazione complessa, perché non è semplice trovare delle aziende simili.

Ad esempio, per le comparabili di Ferrari, ci concentriamo nel comparto delle automobili di lusso, ed in particolare selezioniamo le imprese quotate e che si prestano all’applicazione del P/E.

Concentriamoci su BMW, Mercedes (quotata come Daimler), Porsche, Volvo.

Il passo successivo è quello di calcolare il multiplo per ognuna, da cui estrarne la media.

Il P/E medio è 9,54 che sta significare che in media un investitore nelle audio di lusso paga 9,54 volte gli utili medi per acquistare l’azione.

L’ultimo passo dell’analisi da svolgere è quello di prezzare il valore di Ferrari.

Per farlo, dobbiamo moltiplicare il multiplo di mercato scelto, il P/E, per l’utile per azione di Ferrari, in modo tale da comprendere quanto dovrebbe essere il valore di Ferrari.

Applichiamo la seguente equazione:

Multipli di mercato

Possiamo vedere subito che il prezzo è circa 5 volte maggiore rispetto a quello “target”.

Ciò potrebbe suggerire che il prezzo sia ampliamente sopravvalutato.

Allo stesso tempo non si può non considerare il fatto che Ferrari potrebbe aver assunto un vantaggio competitivo dato dal brand, che influisce nel prezzo per cui gli investitori sono disposti a pagare per averla in portafoglio.

Inoltre, essendo un’azione impegnata nel mondo dello sport, il suo prezzo dipende in parte anche dall’andamento dei risultati sportivi dell’azione.

multipli di mercato
Analisi del P/E di Ferrari

Ora tocca a te!

Adesso che possiedi tutti gli strumenti per effettuare un’analisi semplice ed efficace di una società, mettiti alla prova e tenta tu stesso di analizzare un’azione!

Ogni settimana troverai una valutazione di un’azione e, se sei interessato ad una società in particolare, suggerisci nei commenti quale analizzare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

consulenza finanziaria indipendente Athena SCF
consulenza finanziaria indipendente Athena SCF